Gli incredibili prodotti della ditta Same Govj

Erano strani, erano magici, erano eccitanti! Erano gli incredibili prodotti venduti per corrispondenza dalla ditta Same Govj. Ve li ricordate? Tre le pagine dei giornalini dei bambini anni...

9135 2
9135 2

Erano strani, erano magici, erano eccitanti! Erano gli incredibili prodotti venduti per corrispondenza dalla ditta Same Govj. Ve li ricordate?

Tre le pagine dei giornalini dei bambini anni ’70 tipo ‘Il Monello’ e ‘L’intrepido’ e di altri giornalini e riviste popolari facevano capolino delle inserzioni monocromatiche di prodotti incredibilmente strani, suggestivi e anche ‘pruriginosi’ come le rivoltelle De Luxe, le creme per i muscoli, le croci talismano, i profumi afrodisiaci, le creme eccitanti, le penne-binocolo, gli sviluppatori per il pene, i massaggiatori da donna, le antenne amplificate, le penne-radio, le micromacchina fotografiche, i microfoni cammuffati, le radioline da stadio, le penne a gas, i micro- amplificatori da udito, le penne-spy, il teledominio, i mini stereo compatti e due miei miti assoluti: le scimmie di mare da allevare in casa e gli occhiali a raggi X per vedere le donne nude.

Le Scimmie di mare altro non erano che esemplari di Artemia Salina un piccolo crostaceo d’acqua salata, spesso allevata e riprodotta per alimentare i pesci d’acquario. Estremamente suggestiva la loro pubblicità d’epoca, che ci prometteva “una vasca di felicità”, perché “questi adorabili animaletti riempiranno la vostra casa di allegria”, in quanto  “sempre attivissimi ed allegri, questi animaletti scherzano e giocano tra di loro. Naturalmente, “si possono perfino ammaestrare”. Sempre volute, però, mai comperate né viste dal vivo.

Di seguito, la famosa pubblicità, in italiano e in inglese, (non riferita alla ditta SAME ma a ditta di Roma) e un’immagine di com’è davvero l’Artemia Salina.

same-scimmie-3

same-scimmie-1

same-scimmie-2

Gli occhiali a raggi X (anche ‘occhiali per radioscopia’ o ‘Sexy occhiali’) promettevano la magia impossibile di poter vedere attraverso i vestiti di donne e ragazze delle nudità che allora erano molto rare e peccaminose. Gli occhiali a raggi X sono stati il sogno erotico di almeno tre generazioni di ragazzi italiani che con poche migliaia di lire pensavano che le mutande di tutte le compagne di classe non avessero più segreti. Ma ci sbagliavamo, oh come ci sbagliavamo. Non li comprai mai comperati personalmente, ma lo fece l’amico Fabio, che li portò un pomeriggio all’oratorio. Erano brutti, una sagoma di plastica con lenti di cartone e con un piccolo buco al centro di ogni occhio ricoperto da una pellicola trasparente rossa. Ma soprattutto erano inutili e non si vedeva niente (ovviamente!).  Tecnicamente, doveva funzionare così: il piccolo filamento rosso davanti ai fori faceva in modo che la luce giungesse agli occhi difratta, con un effetto di un leggero sdoppiamento. Ma da qui a vedere a raggi X … Anche Fabio ci resto molto male, soprattutto perché li aveva pagati lui, e non ce li portò mai più.

Ecco com’erano gli occhiali a raggi X

same-occhiali-2

same-occhiali-3

Prodotti assolutamente inutili, quindi, con in più il sapore della presa in giro; prodotti meravigliosamente trash, quindi, ma che allora il ‘poco furbo’ acquirente viveva come una bella fregatura. E a illudere così i lettori e i clienti era la fantomatica ditta Same, il venditore indicato nelle pubblicità di tutti questi prodotti.

Apparentemente la Same aveva sede a Milano, ma però aveva tre nomi diversi. Si chiamava, a seconda dei casi, Same, Same Govj e Govj Import. Ma soprattutto aveva un numero di ‘sedi legali’ da togliere il fiato. Quelli di Gialli.it ne hanno scoperte cinque, ma c’è chi sostiene che i fantomatici indirizzi della Same erano molti di più.

A Milano c’era una Same a via Fauché, a via Felice Casati, a via Algarotti, a via Monte Generoso e a via Monviso, 13. Questi indirizzi si trovavano nella parte bassa delle pagine pubblicitarie dell’Intrepido, del Monello e anche di Topolino. Ma da una ricerca fatta sul posto (sempre da quelli di gialli.it) nessuno, proprio nessuno, si ricorda un appartamento, un garage, o un negozio che ospitasse un’azienda del genere. Io personalmente ricordo un annuncio Same Govj con sede in via San Rocchino a Brescia, ma quando andai a vedere c’era un salumiere.

Diciamo che quelli della Same erano molto bravi vendere questi stupendi prodotti, ma non amavano avere poi a che dire con i clienti. Ma daltronde succede così anche oggi, anche con aziende enormi …

Per la cronaca, scimmie di mare e occhiali a raggi X sono due tra le tantissime invenzioni commerciali di Harold Von Braunhut (anche inventore del pesce invisibile, al quale allegava un certificato che prometteva agli acquirenti che mai, in alcun caso, sarebbero stati in grado di vederlo) nato a Memphis, nel Tennessee, nel 1926.

Harold inventava robe incredibili e le vendeva per corrispondenza in tutto il mondo, pubblicizzando i suoi ‘prodotti’ sui giornalini più letti dagli adolescenti brufolosi in modi subdolamente ‘pruriginosi’. Sicuramente è diventato ricco vendendo milioni di occhiali ai Raggi X  a giovani illusi dalla possibilità di poter guardare attraverso i vestiti delle compagne di classe.

Di seguito, alcuni annunci pubblicitari della Same.

same-8

same-5

same-4

same-3

same-2

same-1

same-7

same-6

In this article

Join the Conversation

2 comments

  1. numbersix      

    Mi ricordo che un mio amico aveva ordinato gli occhiali per vedere attraverso i vestiti, l’unico che lo aveva ammesso..
    me li aveva mostrati, erano occhiali di plastica con un paio di donnine mezze nude applicate sulle lenti con della pellicola !

  2. gimmy64      

    che meraviglia quanto avrei comperato tutto

error: Il contenuto della pagina è protetto!