La fonovaligia Geloso

Il nome era fonovaligia, intuibile il motivo: precursori del mangiadischi, avevano il pregio di non rovinare tanto il disco, e di funzionare sia a 45 giri, sia a...

1252 0
1252 0
Condividi

Il nome era fonovaligia, intuibile il motivo: precursori del mangiadischi, avevano il pregio di non rovinare tanto il disco, e di funzionare sia a 45 giri, sia a 33, ma anche a 78 (per i dischi della nonna) e a 16 giri. Il braccio è dotato di una seconda puntina (o meglio di un chiodo) apposta per i vecchi 78 giri lo svantaggio è che necessitano di una presa di corrente.

Naturalmente esiste un trasformatore interno, come quasi tutti gli apparecchi dell’epoca, che consentiva di attaccarsi anche alle moderne prese a 220 Volt. Eccovi una tipica fonovaligia:

La Geloso di Milano, fondata dall’italo-americano John Geloso, era un’azienda che produceva elettronica di consumo. La fonovaligia era uno dei suoi pezzi più interessanti; si trattava di un bauletto con maniglia e serratura con gancio chiudibile anche a chiave, poteva suonare tutti i formati di registrazione dell’epoca (16, 33, 45 e 78 giri) e aveva nel coperchio un amplificatore per diffondere il suono.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto della pagina è protetto!