Il carosello dell'amarena Fabbri con i pirati

Manodifata, siculo aiutante del piemontese Salomone, pirata pacioccone, al termine del carosello chiede con pesante accento dialettale quale dev’essere la sorte di un malcapitato prigioniero: “Cappetanolo possiamo totturare?”,...

1570 0
1570 0
Condividi

Manodifata, siculo aiutante del piemontese Salomone, pirata pacioccone, al termine del carosello chiede con pesante accento dialettale quale dev’essere la sorte di un malcapitato prigioniero: “Cappetanolo possiamo totturare?”, al che Salomone risponde con bonomia subalpina: “Porta pasiensa so ben io come fare a siogliergli la lingua!”.

Lo credo, con la deliziosa amarena Fabbri non era certo difficile!

I disegni animati di questo carosello erano di Bonvi. L’amarena Fabbri regalava anche diversi gadgets assai utili: il tritaghiaccio del pirata, il montapanna del pirata e il bicchiere ‘giustadose’, con la tacca che indicava la quantità corretta di sciroppo Fabbri da sciogliere nell’acqua.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto della pagina è protetto!