I regali delle raccolte punti dei benzinai e i gadget delle benzine

Negli anni ’60, in pieno boom dell’automobile, tutte le marche di benzine realizzavano delle raccolte di punti con dei bellissimi regali per noi bambini. Sotto, eccovene alcuni; chi...

3551 2
3551 2
Condividi

Negli anni ’60, in pieno boom dell’automobile, tutte le marche di benzine realizzavano delle raccolte di punti con dei bellissimi regali per noi bambini. Sotto, eccovene alcuni; chi ne ricorda altri, chi ne ha, può farmi sapere …

Volistoria Shell: per un certo periodo facendo benzina alla Shell ricevevi una moneta commemorativa dei voli spaziali, era dorata e portava l’effigie di Gagarin in orbita piuttosto che dei razzi di Von Braun, piuttosto che dell’allunaggio di Armstrong…il tutto andava incastrato negli appositi fori di un libretto di cartone bordeau. Eccovi sotto una serie completa.

Questa sotto era la pubblicità sul concorso Volistoria che appariva su Topolino, il Corriere dei Piccoli e altri giornalini.

Il passaporto della Shell: occorreva completare le pagine incollando un bollino che dava il distributore per ogni pieno: a città diversa, diverso bollino, con raffigurata sopra una macchina d’epoca. In ogni pagina (nove in totale) dovevano essere incollati 12 bollini diversi. A completamento della pagina si riceveva un modellino di auto antica, in plastica, da montare. Si potevano incollare bollini italiani, oppure bollini stranieri; praticamente partecipavano una dozzina di paesi europei, ed il bollino straniero (compreso quello di San Marino) ne valeva ben quattro italiani! Il bello era girare per l’Italia e scambiare con i vari gestori i bollini in proprio possesso: in pochi mesi era facile completare un paio di passaporti! Credo che risalga al 1967/68.


Le tessere Total 1968/69: poco da dire: davano diritto ai soliti premi, nello stesso modo utilizzato oggigiorno. Mi ricordo palloni, materassini, salvagente nella stagione estiva.

Queste sotto erano le pubblicità sul Club Total che apparivano sui giornali d’epoca.

Altro regalo dei distrubutori di benzina: una coccinella calamitata da tenere in macchina, che a quei tempi aveva il cruscotto di metallo e non rivestito in plasticaccia come adesso. Mi sembra che fosse della Esso.

I tipici portachiavi del 1960/70: meno interessanti ma rappresentativi, venivano dati come gadget sia dai distributori che dalle aziende, se ne faceva incetta al salone dell’auto o presso i negozi di auto ricambi.

L’azzecca Vacanze Shell: continua la serie dei gadgets dei distributori, correva l’anno 1968, e l’azzecca vacanze della Shell forniva una serie di utili informazioni riguardanti le precauzioni da prendere per l’auto (gonfiate le gomme, cambiate l’olio, non guidate nelle ore calde e dopo aver mangiato), gli itinerari, insomma, nihil sub sole novi.

Stessa cosa per il vademecum dell’automobilista, dove vengono spiegati per filo e per segno tutti i segnali stradali e le norme di comportamento in caso di incidente.

Più interessante il libretto della ESSO, di cui riporto un paio di pagine con l’estensione della rete autostradale di allora ed i relativi pedaggi. L’utente è avvertito che i mezzi sono suddivisi in otto categorie, dalla bianchina all’autoarticolato con rimorchio.


I distintivi delle automobili: ogni anno, al salone dell’auto di Torino, noi bambini ci scatenavamo nella ricerca dei depliant e soprattutto dei distintivi da mettere all’occhiello della giacca: naturalmente i più richiesti erano quelli delle vetture di pregio: Ferrari, Maserati, Aston Martin, eccetera. Ricordo anche i cartelli appesi negli stands giò dal primo giorno da hostess esasperate: “I distintivi sono esauriti”.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 comments

  1. oscar

    Interessante articolo, mi riporta alla memoria quando mia mamma gestiva un chiosco di benzina TOTAL, però devo farle un appunto: la coccinella era un gadget della TOTAL non della ESSO come riportato, ne conservo ancora una scatola contente alcune di queste coccinelle che venivano distribuite ai più “fedeli” clienti…

  2. sandro

    Oscar!!!! Io ne sto cercando almeno due di quelle magnifiche coccinelle!!!!!!!!

error: Il contenuto della pagina è protetto!