Gli speakers del Telegiornale

Prima del 1968 il TG era condotto in studio da uno speaker, ossia un lettore con pronuncia priva di accento dialettale e voce perfettamente impostata. Tra i più...

4076 1
4076 1
Condividi

Prima del 1968 il TG era condotto in studio da uno speaker, ossia un lettore con pronuncia priva di accento dialettale e voce perfettamente impostata. Tra i più noti ricordiamo: Riccardo Paladini, primo speaker del TG e dalle inconfondibili orecchie a sventola; il vigoroso e aristocratico Luigi Carrai; il bellissimo Marco Raviart dalla voce calda e suadente; Edilio Tarantino detto “il professore che non prendeva mai papere”; il giovane e azzimato Gianni Rossi.

Sul Secondo Programma gli speakers erano in genere il bravissimo Giuseppe ‘Sepp’ D’Amore, assai somigliante a Cristopher Lee, e l’algido e occhialuto Alberto Lori. Diventare speaker era tutt’altro che facile, poiché erano richieste numerose qualità come la telegenia, la bellezza della voce e una cultura a tutto tondo, come testimonia il divertentissimo episodio “Il dentone” interpretato da Alberto Sordi nel film “I complessi”.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 comment

  1. catofbear

    soprannominato orecchione 🙂

error: Il contenuto della pagina è protetto!