Le palle di plastica trasparente con sorpresa dei distributori automatici

Negli anni della nostra infanzia, all’uscita dei bar, delle drogherie o dei tabaccai, c’erano dei distributori automatici trasparenti, con dentro gomme da masticare rotonde piccole o grandi/grandissime, sorprese...

1556 0
1556 0
Condividi

Negli anni della nostra infanzia, all’uscita dei bar, delle drogherie o dei tabaccai, c’erano dei distributori automatici trasparenti, con dentro gomme da masticare rotonde piccole o grandi/grandissime, sorprese varie (un soldatino, una macchinetta, un pupazzetto, piccolissimo) e a volte bruscolini, noci, eccetera a seconda del posto del paese o dell’epoca.

Era un ottimo modo per buttare via i propri soldini, e provocava momenti di gioia suprema quando la sorpresa era una palla magica in gomma piena o un mazzo di cartine da gioco della Nannina di Bergamo.

Ci volevano 5 lire per le piccole e 10 per le sorprese o gomme grosse.

Se non ti davano le sorprese malgrado avessi messo i soldi o volevi cercare di farle cadere senza pagare, le si scuoteva tipo flipper fin quasi a staccarle dalla base – ballavano parecchio – e qualcuno pensava bene di portarsele via tutte intere smontandole.

Non so se la sera le rimettessero dentro, ma erano altri tempi.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto della pagina è protetto!