Lo sceneggiato "Lazarillo de Tormes"

“Scende dal cielo nebbioso la solita sera su te, bimbo che lento cammini chiedendo perchè fra tanta gente curiosa nessuno si accorge che tu …”. Era la storia...

1686 0
1686 0
Condividi

“Scende dal cielo nebbioso la solita sera su te, bimbo che lento cammini chiedendo perchè fra tanta gente curiosa nessuno si accorge che tu …”. Era la storia tristissima di un bambino rimasto orfano che vagava per la Spagna del ‘600.

La sigla di Lazarillo de Tormes si intitolava “Voglio il mondo” ed era cantata da un bambino, con il coro dell’Antoniano di Bologna, e il ritornello diceva così: “Voglio il mondo, il mio mondo, colorato di luce e d’amore, rosso e giallo, viola e azzurro ed insieme l’arcobaleno. Tutta bianca la terra ed i cielo, verde a strisce le stelle nel blu”

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto della pagina è protetto!