Lo sceneggiato TV "L'amaro caso della Baronessa di Carini"

Una ballata popolare siciliana narra di un delitto avvenuto nel ‘500: il 4 dicembre 1563 la baronessa di  Carini, Donna Laura Lanza, moglie di Don Vincenzo La Grua...

3813 1
3813 1
Condividi

Una ballata popolare siciliana narra di un delitto avvenuto nel ‘500: il 4 dicembre 1563 la baronessa di  Carini, Donna Laura Lanza, moglie di Don Vincenzo La Grua –  Talamanca, venne uccisa per motivi di onore dal padre, Don Cesare Lanza.

Partendo proprio dalla storia raccontata in questa ballata Daniele D’Anza  e Lucio  Mandarà inventano una nuova storia ambientata nella Sicilia del 1812 intitolata “L’amaro caso della baronessa di Carini”   che diventa uno sceneggiato TV programmato in 4 puntate nel 1975 con grande successo.

Per noi bambini degli anni ’70 restano memorabili tre momenti:

  • la sigla d’inizio “La ballata di Carini” (1975) che metteva inquietudine e paura quando la baronessa (Janet Agren) si accascia disegnando con la mano una striscia di  sangue lungo un muro;
  • le apparizioni per uccidere o rapire dei Beati Paoli, la misteriosa setta segreta che complotta alle spalle del barone;
  • il tragico composit dei due amanti (è ovvio che ci sono due amanti!) che il 4 aprile, come evoca l’antica ballata, vengono assassinati e i loro corpi sono adagiati sul letto, nello stesso modo dei loro antenati tre secoli prima.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 comment

  1. annisessanta

    Erano le domeniche d’altri tempi.

error: Il contenuto della pagina è protetto!