Canzonissima

Riprendendo la falsariga del primo ciclo, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 e dopo l’esperienza di Partitissima del 1967 (una specie di Canzonissima con dei cantanti...

2852 1
2852 1
Condividi

Riprendendo la falsariga del primo ciclo, a cavallo tra gli anni ’50 e ’60 e dopo l’esperienza di Partitissima del 1967 (una specie di Canzonissima con dei cantanti a squadre a eliminatoria con la sigla iniziale: “Cantala” I Giganti e sigla finale: “12 notte fra poco” G. Morandi), la RAI inizia nel 1968 la programmazione di Canzonissima, gara musicale tra cantanti abbinata alla Lotteria di Capodanno, che per sette edizioni inchiodò il pubblico a casa e in studio almeno quanto il festival di Sanremo.

I conduttori delle diverse edizioni furono:

Sigle di Canzonissima:

  • Canzonissima 1968: Sigla iniziale: “Zum zum zum” Mina – finale: “vorrei che fosse amore” Mina
  • Canzonissima 1969: Sigla iniziale:”Quelli belli come noi” Gemelle Kesler – finale: “Domani che farai” Johnny Dorelli
  • Canzonissima 1970: Sigla iniziale: “Ma che musica maestro” Raffaella Carrà – finale: “Dove vai” Dik Dik
  • Canzonissima 1971: Sigla iniziale: “Chissà se va” Raffaella Carrà – Sigla finale: “Raffaella” B. Pisano
  • Canzonissima 1972: Sigla iniziale: “Vieni via con me” Loretta Goggi – finale: “Per dirti ciao” eseguito da Enrico Simonetti al pianoforte
  • Canzonissima 1973: Sigla iniziale: “A ruota libera” Mita Medici – finale:”Mannaggia” Lando Buzzanca e, nelle ultime due serate finali trasmesse in due momenti differenti al pomeriggio e alla sera, “Proprio così” Mita Medici.
  • Canzonissima 1974: Sigla iniziale: “Felicità” Raffaella Carrà” – finale: “E’ la vita la vita” Cochi e Renato

Di seguito un raro frammento dalle pre-Canzonissime dei primi annni ’60: la sigla di Pre-Canzonisima 1962.

In this article

Join the Conversation

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1 comment

  1. ilgandi

    i sabati sera mitici in braccio a mio padre a guardare un programma, semplice, ma per bambini che avevano nella fantasia una compagna di viaggio reale, alla fine era tutto. Poi Raffaella Carrà era un mito, bella bella e solamente bella. occhi di bambino….

error: Il contenuto della pagina è protetto!